Meritava Adamo una pena ( terrena) così grande?

Tempo di lettura: 2 minuto/i

La tua domanda potrebbe fermarsi con: “Egli è la rocca, l’opera sua è perfetta,
poiché tutte le sue vie sono giustizia.
È un Dio fedele e senza iniquità. Egli è giusto e retto” (Deuteronomio 32:4)
Ma visto che la Bibbia la si può indagare e scoprire sempre cose nuove da essa posso risponderti con quello che penso sia la miglior prospettiva biblica.

Ci sono due problemi con cui ti devi scontrare, il primo è che Dio aveva detto ad Adamo ed Eva di non mangiare SOLO dell’albero della conoscenza del bene e del male: “Dio il SIGNORE ordinò all’uomo: «Mangia pure da ogni albero del giardino,ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non ne mangiare; perché nel giorno che tu ne mangerai, certamente morirai ”
(Genesi 2:16-17 )

Ora, se io sono un genitore e dico a mio figlio che può fare tutto quello che vuole tranne una sola cosa, mio figlio deve imparare a obbedirmi e fidarsi di me.
Come potevano Adamo ed Eva fidarsi se non c’era nulla di cui fidarsi?
Dio aveva messo quell’albero per due motivi: il primo per creare fiducia in Adamo ed Eva, verso Dio, e il secondo per dare la lbertà ad entrambi di disobbedirGli o no, di stare con Lui o no.


L’ultima cosa che Dio vuole da noi è che seguiamo le sue leggi perchè siamo obbligati.
La Bibbia parla di amore per la legge e i comandamenti di Dio, non forzatura: “Oh, quanto amo la tua legge! È la mia meditazione di tutto il giorno” (Salmo 119:97)

Trasgredendo l’unico comandamento che Dio aveva dato loro, hanno fatto entrare il peccato nel mondo (Romani 5:12) e quindi sì, Adamo meritava una pena così grande, Dio è giusto e per esserlo deve punire il peccato.
Se una persona uccidesse un parente a te caro e questa persona, una volta catturata e portata davanti al tribunale fosse rilasciata, non andresti di matto contro il giudice?
Il peccato richiede giustizia e la giustizia è la punizione.

Nota come non solo Adamo ed Eva sono stati puniti ma anche la terra stessa (Genesi 3:17) , il serpente (Genesi 3:14) e la donna (Genesi 3:16).

Il secondo problema in realtà non è un problema ma un sollievo; tu dici che Adamo è stato punito, ma alla luce della Bibbia tutto cambia: “Ecco, l’uomo è diventato come uno di noi, quanto alla conoscenza del bene e del male. Guardiamo che egli non stenda la mano e prenda anche del frutto dell’albero della vita, ne mangi e viva per sempre.” (Genesi 3:22)

Scacciandolo dal giardino dell’Eden gli ha vietato l’accesso all’albero della vita in modo che la sua vita non potesse essere tormentata dal peccato per l’eternità.
Egli ha stabilito la morte del corpo in modo che un giorno possiamo tornare da Lui e vivere quella perfetta armonia che c’era nelle prime pagine della Bibbia.

Il piano di Dio è che tutti vengano salvati (2 Pietro 3:9) ma per esserlo è necessario credere in Gesù, che è diventato nostro mediatore caricandosi dei nostri peccati (1 Timoteo 2:5) e devi sapere che “egli ha cancellato il documento a noi ostile, i cui comandamenti ci condannavano, e l’ha tolto di mezzo, inchiodandolo sulla croce” (Colossesi 2:14).
Tutto questo non è fantasia” perché, se con la bocca avrai confessato Gesù come Signore e avrai creduto con il cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato;” (Romani 10:9)

Dio ti benedica!

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestPrint this pageEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi