Cos’è la salvezza?

Questa domanda l’ho sentita tante volte ed è molto interessante.

In questo blog e in generale nelle chiese si sente parlare della salvezza.
Ma che cos’è la salvezza? Da cosa dobbiamo essere salvati?
Per farti capire in breve cos’è la salvezza devi sapere qual è il messaggio della Bibbia.
La Bibbia è piena di riferimenti alla giustizia di Dio.
Dio è un Dio giusto, e come tale deve punire l’uomo. Perché?
Perché dal momento che Adamo ha peccato l’uomo è spiritualmente morto, difatti se noti in Genesi Dio lo scaccia insieme ad Eva facendoli vivere in condizioni peggiori rispetto alla bella vita che facevano in Eden; questo perché i loro figli e tutte le generazioni avvenire si ricordassero di una cosa: “Dio è giusto”.
Dio dice di sé stesso: “…punisco l’iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano,  e uso bontà, fino alla millesima generazione, verso quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti.”(Esodo 20:4-6)
E anche :”Poiché l’ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà ed ingiustizia…”(Romani 1:18)
Questo che Dio dice si rivela (ti invito a controllare personalmente)  in tutta la Bibbia.
Ora che sai che Dio è un Dio giusto devi però capire che hai il Suo giudizio sopra la tua testa, non è una condanna, non sei morto e nemmeno sei davanti a un tribunale; però Dio ti sta giudicando, e sai perché? Perché hai peccato.
La Bibbia dice che :”tutti hanno peccato e son privi della gloria di Dio” (Romani 3:23)
Ora sai che Dio è un Dio giusto e che hai peccato.
Sai di aver peccato almeno una volta, sai che non hai fatto delle belle cose; diciamo che se trasmettessi un dvd della tua vita su un mega schermo nella piazza della tua città forse non ti faresti vedere in giro.
Ma sto scrivendo questo proprio per te, per farti capire, sempre grazie alla Bibbia, che c’è una soluzione a tutto questo.
Essendo Dio un Dio giusto dovrebbe eliminarti perché hai peccato e un Dio giusto punisce, però devi sapere che Dio è anche un Dio di amore e come tale ha mandato Gesù sulla croce a morire al posto tuo!
Perché ha mandato Gesù a morire al tuo posto?
Non solo perché ti ama immensamente, e questo penso che se tu sia mai andato in qualunque chiesa, almeno una volta hai sentito che Dio ti ama e che ha mandato Gesù per portare i tuoi peccati, ma una ragione ancor più profonda, che non contraddice la prima cosa che ho detto è che nell’Antico Testamento (ti invito a controllare anche questo personalmente) doveva morire un animale per coprire il peccato del popolo, Dio ha bisogno di soddisfare la Sua giustizia “E secondo la legge, quasi ogni cosa è purificata con sangue; e senza spargimento di sangue non c’è remissione” (Ebrei 9:2)
Dio non è un sanguinario violento, ma bada bene che qualcuno deve sempre pagare l’errore di qualcuno, e Dio che è Giusto ed è Amore ha deciso che uno solo doveva morire una volta per tutte e per tutti!
Il profeta Isaia 700 anni prima dell’arrivo di Gesù profetizzò: “Maltrattato, umiliò se stesso, e non aperse la bocca. Come l’agnello menato allo scannatoio, come la pecora muta dinanzi a chi la tosa, egli non aperse la bocca.” (Isaia 53:7)
E quando Giovanni il Battista lo vide realmente in carne e ossa esclamò: “…Ecco l’Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo!” (Giov 1:29)
Spero di averti fatto comprendere il tuo bisogno di salvezza, hai bisogno di salvarti non solo da te stesso, ma dal giudizio di Dio, hai bisogno di conoscere Gesù, proprio come ti invita il nome di questo blog.
Non hai bisogno della discoteca, non hai bisogno di bere, di fumare o di (spero di no) drogarti.
Gesù ti rende libero, e non sarai più giudicato da Lui!
Ti saluto e ti incoraggio con questi pochi versi che spero ti aiutino a comprendere meglio quello che io non sono riuscito a trasmetterti:
“Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è giudicato; chi non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio.” (Giov 3:16-18)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi